Come studiare per prepararsi all’esame di teoria

Il ritmo da seguire: lezione-studio-quiz

Se frequenti un’autoscuola, cerca di seguire tutte le lezioni con molta attenzione; anche se hai un libro di teoria su cui studiare, la lezione del tuo insegnante è importante perché ti permette di imparare prima, e inoltre il tuo insegnate può anche fornirti delle dritte molto utili per non sbagliare i quiz; ricorda anche che, in caso tu abbia dei dubbi, puoi sempre fare delle domande: chi meglio del tuo insegnante può aiutarti?

Una volta ascoltata la lezione del tuo insegnante, dedica un po’ di tempo allo studio autonomo: prendi il tuo manuale e studia gli argomenti affrontati a lezione. Leggi e memorizza quanto più possibile: osserva attentamente anche le figure, che sono di grande aiuto per la memoria.

Quando ti sembra di aver imparato molto bene l’argomento che hai studiato, prova a fare i quiz relativi all’argomento (anche online: http://www.rmastri.it/webpatente3/): questo ti aiuterà a verificare di aver realmente capito e memorizzato tutto ciò che serve.

Continua a seguire questo ritmo: lezione-studio-quiz, lezione-studio-quiz, ecc., possibilmente senza sgarrare, fino al completamento di tutto il manuale.

Le simulazioni d’esame

Una volta completato tutto il manuale, prova a svolgere delle simulazioni d’esame (anche online: http://www.rmastri.it/webpatente3/) ; ritorna anche sui quiz per argomento, svolgendoli una seconda volta tutti quanti, dall’inizio alla fine. Questo passaggio è molto importante perché a questo punto hai una conoscenza complessiva di tutti gli argomenti, ma le probabilità di fare confusione e di sbagliare sono molto alte, proprio perché hai molte nozioni in testa: è proprio per questo che devi fare molti quiz, per risolvere tutti i tuoi dubbi. E’ a questo punto che ti sarà utile questo sito: qui puoi trovare delle spiegazioni mirate per non cadere nei tranelli dei quiz e rispondere anche alle domande più difficili.

Per i privatisti:

Se non frequenti un’autoscuola e hai intenzione di preparare l’esame da privatista, il metodo di studio che ti consiglio è lo stesso: cerca di essere costante e continuativo nello studio; prendi un capitolo alla volta del manuale, studialo, e poi svolgi i quiz per argomento; segui questo ritmo in maniera costante finché non arrivi alla fine del manuale. Dopodiché comincia a svolgere le simulazioni d’esame e, di nuovo, tutti i quiz per argomento, ritornando sul manuale se hai bisogno di chiarire i tuoi dubbi. Ricorda che anche questo sito ti può essere d’aiuto a non cadere nei tranelli dei quiz.

Da non fare:

Una cosa che è molto sconsigliabile fare è svolgere i quiz senza aver prima studiato gli argomenti a cui si riferiscono: è anche per questo che è meglio evitare di svolgere prove d’esame prima di aver completato tutto il manuale. Altrimenti il rischio che si corre è di memorizzare le opzioni sbagliate dei quiz e di fare una gran confusione. Meglio invece procedere con ordine e con calma, studiando prima e svolgendo i quiz solo dopo aver studiato e solo relativamente a ciò che si è studiato.

Buoni metodi per migliorare:

Seguendo questi consigli, studierai meglio e con più risultati, imparando davvero bene e più in fretta:

  • Una buona idea, durante lo svolgimento dei quiz, è prendere nota delle domande che ti risultano particolarmente difficili, quelle che tendi a sbagliare di più: annotale in un quaderno, e vicino segnati cosa è vero e cosa è falso, e perché. Vedrai che ti sarà utilissimo per non ricadere sempre negli stessi errori e per fare un ripasso mirato prima dell’esame.
  • Quando studi e quando svolgi i quiz, cerca di stare concentrato: non devi studiare guardando la TV o ascoltando musica; scegli un ambiente tranquillo e silenzioso, privo di distrazioni. Se a casa tua non riesci ad avere la tranquillità necessaria, puoi andare in biblioteca.
  • Anche se all’esame ti è concesso fare fino a quattro errori per restare comunque promosso, studia come se dovessi fare sempre zero errori. Importi questo obiettivo ti aiuterà a studiare con impegno e a non essere approssimativo o superficiale.
  • Può esserti molto utile la lettura di questo articolo: Consigli generici per non cadere nei trabocchetti dei quiz.

92 thoughts on “Come studiare per prepararsi all’esame di teoria

  1. esamepatente Autore dell'articolo

    @natapak e @jagtar: Dovete studiare molto bene sul manuale, e poi fare i quiz. Quando sbagliate una domanda, scrivetevela su un quadernetto, insieme alla risposta giusta. Continuate a ripassare, vedrete che gli errori nei quiz diminuiranno! 😉

  2. natalia

    ciao ho seguito bn i vostri consigli…ho studiato il manuale e poi per argomento eseguivo i quiz ciò che sbagliavo lo studiavo bn .. è alla fine ho continuato a fare i quiz su tt il manuale…sono stata promossa al primo esame di teoria .. adesso 11 settembre ho esame di guida spero di passare anke quello..

  3. esamepatente Autore dell'articolo

    @Natalia: Brava, Natalia! Bene! In bocca al lupo anche per l’esame di guida, incrocio le dita per te! 😉

  4. antonio

    Ciao mi sono appena e scritto a scuola ancora nn sono andato a lezione perché apre il 1 settembre però sto facendo faccio almeno 10erori ogni volta datemi dei quiz tramite cedatemi quakche consiglio grazie

  5. esamepatente Autore dell'articolo

    @Antonio: Ciao Antonio, è normalissimo! Io ti consiglio di aspettare a fare i quiz; aspetta almeno di frequentare un po’ di lezioni. Studia e poi (solo dopo aver studiato) fai i quiz, sarà tutto più facile! 😉

  6. amelia

    Io frequento una scuola guida nn vado frequentemente per vari problemi..e qnd vado nn si capisce nulla perche ci sono raggazzi e ragazze di 17 18 anni che fanno macello io ho seriamente bisogno di prendere la patente…voglio studiare a casa ma cm faccio per le dritte che un prof puo dare…e poi il prof spiega in modo sintetico e preciso mentre il libro e approfondito e faccio confusione vado in tilt nn comprendo

  7. esamepatente Autore dell'articolo

    @Amelia: Ciao Amelia, a mio parere, tu continua a seguire le lezioni, quando puoi, e poi studia tanto a casa, sul libro. Fai tanti quiz, e insisti soprattutto sugli argomenti più difficili.
    All’insegnante potresti chiedere di ‘imporre’ un po’ più di silenzio e disciplina, spiegandogli che ci sono persone che fanno chiasso e ti impediscono di seguire la lezione. Se lui è sintetico, forse è anche per questo, perché vede che la classe non lo sta seguendo; dovrebbe imporsi di più.

  8. Leon

    Gli stessi problemi li avevo anch’io nel studiare e posso dire che sono stato bocciato 3 volte di seguito. Se a qualcuno serve lascio la mail di coloro che mi hanno aiutato e grazie a loro oggi posso guidare info@easydrivescuola.com

  9. Nataliya

    Salve, io ho 44anni, ho bisogno di auto, sono ucraina, sto sieme con italiano già 6anni…… Sempre con lui in guro, lui guida io conosco tutti cose su strada, lui mi dici andare studiare fare patente, ma come posso andare se sento cosa. Non. Celo faccio…. Mi piace auto ma io sento paura, ma come sento paura penso cosa non celo faccio fare patente, mi serve vostro consiglio…. Come posò fare

  10. esamepatente Autore dell'articolo

    @Nataliya: Ciao Nataliya, secondo me potresti intanto provare a fare un po’ di esercizio con il tuo compagno; si parte da cose molto semplici, naturalmente: la partenza, il controllo della frizione, acceleratore e freno, poi si passa al cambio (scalare le marce, fare qualche piccolo tratto di strada, ecc.); cominciate in luoghi poco trafficati, come ad esempio parcheggi vuoti nelle zone industriali la domenica. Questo training ti darà sicurezza, imparerai senza tanto stress. L’importante però è farlo con costanza.

  11. Alessandra

    I ragazzi che non hanno ancora i 18 anni possono fare l’esame di teoria?
    Ringrazio anticipatamente !
    Cordiali saluti
    Alessandra

  12. Tony

    Salve…ho 23 anni e non riesco a prendere la patente b perché non ho la terza media, nonostante il grande bisogno per la lavoro…potreste aiutarmi ? Aspetto una vostra risposta

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>