Crea sito

Segnali di pericolo

Sono posti a 150 metri prima dell’inizio del pericolo segnalato. Hanno in genere la forma di triangolo equilatero con vertice verso l’alto (a parte i pannelli distanziometrici bianchi con le barre rosse, che sono rettangolari e sono posti a segnalare l’approssimarsi di attraversamenti ferroviari e ponti mobili).

Possono essere integrati con pannelli integrativi. Il segnale di pericolo incendio deve essere integrato con un pannello che indica l’estensione in kilometri del tratto pericoloso.

Tenersi troppo vicini al margine destro della strada: non c’è motivo di farlo se c’è una cunetta o la strada deformata, anzi, potrebbe essere pericoloso perché con la strada in quelle condizioni è facile che il veicolo sbandi, e tenendosi vicini al margine destro c’è più rischio di finire fuori strada. Ci si deve tenere il più possibile vicino al margine destro in corrispondenza dei dossi e curve.

Limitata visibilità: indicano limitata visibilità i segnali di dossi, curve. In loro prossimità è vietata una serie di manovre pericolose, appunto, per la limitata visibilità: retromarcia, inversione di marcia, sorpasso, sosta e fermata.

Si può sorpassare:

  • se la strada ha almeno due corsie per senso di marcia o è a senso unico;
  • nel tratto discendente del dosso, perché c’è visibilità;
  • nelle cunette, perché lì c’è visibilità;
  • in prossimità dei passaggi a livello solo per affiancarsi agli altri veicoli fermi in attesa, entro la propria semicarreggiata.

Restringimento della carreggiata: è indicato dal solo segnale apposito, quindi in presenza di tutti gli altri segnali, quando si dice che indicano di fare attenzione al restringimento della carreggiata, è falso.

Curve: non sono deviazioni. Non si può sorpassare in curva se la strada è a doppio senso a due corsie: non si può sorpassare neanche una moto pur senza invadere la corsia opposta. Le curve possono essere integrate con la scritta TORNANTE. Il segnale di doppia curva può essere integrato con un pannello di estesa.

Linea tranviaria/linea ferroviaria: spesso nelle domande sui segnali relativi agli attraversamenti ferroviari si parla di ‘linea tranviaria’, e viceversa per il segnale relativo al tram si parla di ‘linea ferroviaria’; è facile, nella fretta, non farci caso e cadere nel tranello.

Passaggi a livello con barriere: hanno una sola luce rossa fissa.

Passaggi a livello con semibarriere: hanno due luci rosse lampeggianti.

Passaggi a livello incustoditi: hanno due luci rosse lampeggianti + croce di Sant’Andrea (o due croci, se i binari sono più di uno).

Ponte mobile: ha i pannelli distanziometrici e una o due luci rosse.

Attraversamento tranviario: non ha a che fare con i filobus. Indica che c’è una linea tranviaria non regolata da semaforo che interseca o riduce la carreggiata. Impone di dare la precedenza al tram, non vieta di sorpassarlo. Può trovarsi sia fuori che dentro i centri abitati. Si può sorpassare il tram a sinistra, purché entro la propria semicarreggiata; si può sorpassare a destra, purché il tram abbia il salvagente per la discesa passeggeri.

Rimorchi: i rimorchi devono fare più attenzione nei tratti di strada deformata e nelle cunette; anche in presenza di forti raffiche di vento.

Veicoli tendonati o furgonati: devono porre attenzione, e in occorrenza fermarsi, in presenza di forti raffiche di vento, specialmente se scarichi.

Strada sdrucciolevole: ha il suo apposito segnale; se nei quiz si dice di qualche altro segnale che esso indica strada sdrucciolevole, allora la risposta è falsa.

Circolazione rotatoria: questo segnale si trova su strade urbane solo se lo richiedono particolari motivi di circolazione.

Attenzione a non confondere il segnale di pericolo aeromobili con quello di forte vento laterale: pericolo aeromobili indica pericolo di abbagliamento e forti rumori per la presenza di aerei a bassa quota, ma non indica pericolo per forti raffiche di vento; il vento laterale, d’altra parte, non indica la vicinanza di aerei. In caso di forte vento laterale, il pericolo è maggiore per i veicoli tendonati o furgonati (che hanno l’obbligo di rallentare e all’occorrenza fermarsi), e per veicoli che trainano un rimorchio o un caravan.

Pericolo di incendio: è un segnale di pericolo e non vieta nulla; non va confuso con il segnale di divieto di transito di veicoli che trasportano materiale infiammabile o esplosivo. Deve essere integrato con un pannello che indica l’estensione del tratto di strada interessata dal pericolo. Inoltre avverte di non buttare sigarette accese dal finistrino e di non arrestare i veicoli, specie quelli con marmitta catalitica, su sterpi ed erba secca.

Il segnale

presegnala che il traffico si svolge su due carreggiate separate (falso, indica l’inizio del doppio senso di circolazione su una carreggiata che prima era a senso unico).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.