Dispositivi luminosi

L’uso dei dispositivi luminosi di segnalazione visiva e di illuminazione dei veicoli è obbligatorio:

  • da mezz’ora dopo il tramonto del sole a mezz’ora prima del suo sorgere;
  • anche di giorno nelle gallerie e in casi di scarsa visibilità, anche dovuti a fenomeni meteorologici come neve, nebbia, pioggia intensa.

Quando c’è scarsa visibilità dovuta a maltempo, è necessario usare gli anabbaglianti o, in caso di nebbia, i fendinebbia; anche in questi casi bisogna comunque usare anche le luci di posizione.

Le luci vanno tenute accese anche in caso di sosta o fermata entro la carreggiata, anche quando ci si trova sulla corsia di emergenza di autostrade o strade extraurbane principali. Non c’è obbligo se però la strada è ben illuminata.

Proiettori anabbaglianti

Devono essere di tipo omologato. Sono obbligatori:

  • nelle strade extraurbane di notte, anche se l’illuminazione pubblica è sufficiente;
  • nei centri urbani di notte se l’illuminazione è insufficiente; di giorno se la visibilità è scarsa e se si trasportano feriti e malati gravi.

Proiettori abbaglianti

Si devono usare di notte fuori dai centri abitati quando manca l’illuminazione pubblica. Però devono essere sostituiti da quelli anabbaglianti ogni qualvolta c’è il rischio di abbagliare qualcuno: ad esempio, quando si incrociano altri veicoli, quando si seguono veicoli a breve distanza o quando ci sono pedoni. Si possono usare in ogni situazione in modo intermittente (lampeggio), in modo analogo al clacson, per segnalare pericoli imminenti e per avvertire il veicolo che precede che si vuole sorpassarlo.

Luci di sosta

Non sono obbligatorie. Si possono usare al posto delle luci di posizione quando si sosta su strade urbane (su quelle extraurbane non si possono usare).  Si usano solo quelle poste dal lato del traffico.

Indicatori di direzione

Non sono obbligatori ogni volta che ci si ferma ad un semaforo, o quando ci si arresta per cause della circolazione. Sono obbligatori quando si deve svoltare, quando ci si immette nella circolazione, quando ci si immette nella strada principale provenendo da una corsia di accelerazione. quando si entra nella corsia di decelerazione, quando si vuole cambiare corsia, quando si vuole sorpassare.

Segnalazione luminosa di pericolo

Va azionata quando:

  • si verificano improvvisi rallentamenti o incolonnamenti;
  • quando la fermata di emergenza costituisce pericolo per gli altri utenti della strada:
  • quando per avaria il veicolo è costretto a procedere a velocità particolarmente ridotta;
  • nei casi di ingombro della carreggiata;
  • durante il tempo necessario a collocare o riprendere il segnale mobile di pericolo (triangolo).

Non va azionata quando c’è nebbia con visibilità inferiore ai 50 m (in quel caso si usa la luce posteriore per nebbia). Va azionata, però, quando c’è nebbia e ci si arresta sulla carreggiata. Non va azionata in caso di inefficienza delle luci di posizione di notte, perché in quel caso i fari bastano a rendersi visibili agli altri veicoli.

Catadiottri

I catadiottri sono dispositivi a luce riflessa; quindi non si accendono, non hanno luce propria. Tutti gli autoveicoli li hanno rossi dietro. I rimorchi e i carrelli-appendice li hanno bianchi sulla parte anteriore; rossi e triangolari (col vertice in alto, non in basso) per la segnalazione posteriore; possono anche averli ai lati. Possono essere posti ai lati di veicoli più lunghi di 6 metri.

Controlli

Non occorre controllare lo spinterogeno, il sistema di distibuzione, il sistema di accensione (ha a che fare col motore, non con le luci), la corrente alternata.

= risposta falsa  = risposta vera

Durante la marcia, l’uso dei proiettori a luce abbagliante:

  • è consentito nelle gallerie urbane a senso unico (nei centri urbani non si devono usare gli abbaglianti, quindi neanche nelle gallerie urbane, che siano a senso unico o no).

E’ consentito l’uso intermittente dei proiettori di profondità (a luce abbagliante):

  • esclusivamente nei casi di pericolo immediato (si possono usare anche per avvisare che si ha intenzione di sorpassare).


Il proiettore acceso:

  • evita l’abbagliamento in fase di incrocio (lo eviterebbe se fosse montato correttamente, ma è montato a rovescio, quindi manda la luce verso l’alto e abbaglia).


I conducenti dei veicoli a motore devono azionare la segnalazione luminosa di pericolo (lampeggio simultaneo di tutti gli indicatori luminosi di direzione):

  • quando si verificano improvvisi rallentamenti o incolonnamenti;
  • di notte, nei casi di inefficienza delle luci di posizione (infatti bastano i fari per rendere il veicolo visibile).

La targa posteriore deve essere illuminata:

  • anche sui motocicli, se sostano su strada non illuminata (i motocicli non hanno obbligo, le auto invece sì).

Si debbono usare gli indicatori di direzione

  • se marciando su strada a senso unico nella corsia di sinistra ci si sposta sulla corsia di destra (sì, perché è un cambiamento di corsia e perciò va segnalato).

Occorre eseguire con frequenza sull’impianto di illuminazione::

  • la verifica del sistema di accensione (il sistema di accensione riguarda il motore, non le luci).

I catadiottri:

  • possono sostituire le luci di ingombro (no, perché le luci di ingombro sono quelle poste sula parte alta della carrozzeria di veicoli particolarmente ingombranti).
Questa voce è stata pubblicata in Consigli per argomento. Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>